Perché il doxing non è consentito su Patreon?

  • Aggiornato

Fare doxing significa "cercare e pubblicare su Internet informazioni personali o sull'identità di un particolare soggetto, generalmente in malafede".

Non consentiamo ai creator di utilizzare la nostra piattaforma per finanziare la pratica del doxing. Le nostre Regole della Community vietano esplicitamente il doxing e indicano che qualsiasi creator che lo pratichi in malafede (o istighi altri a farlo) potrebbe essere bannato da Patreon.

Fortunatamente, la maggior parte dei creator di Patreon non cerca mai di recare danno al prossimo. Nelle rare circostanze in cui un creator di Patreon compie un atto di doxing, assumiamo una posizione ferma nei suoi confronti, proprio perché siamo consapevoli del potenziale danno che ciò provoca.

Il doxing online esiste da decenni, ma per molte persone è ancora un concetto relativamente nuovo. In poche parole, il doxing è una pratica di Internet con cui le persone cercano di danneggiarsi a vicenda.

Il doxing rende Internet meno sicuro. E affinché noi possiamo mantenere conversazioni ponderate, o ricevere critiche costruttive, è fondamentale che Internet sia sicuro. Con il doxing viene meno quell'ambiente protetto in cui una persona può crescere, impegnarsi ed esprimere un disaccordo in modo costruttivo. La vita delle vittime di doxing potrebbe essere esposta a conseguenze negative, come la perdita di un lavoro, rapporti personali incrinati o persino timore per la propria incolumità fisica.   

La forma più comune di doxing consiste nel condividere le informazioni private di una persona, come un numero di telefono o l'indirizzo di casa. Può essere considerata doxing anche la diffusione in contesti specifici di informazioni non private relative a una persona. Ad esempio, qualcuno potrebbe partecipare a una discussione online con uno pseudonimo e un doxer collegherebbe la sua identità virtuale a informazioni di identificazione personale che, una volta nota l'identità della persona, sono disponibili pubblicamente.

Prima di valutare il presunto doxing, prendiamo in considerazione il modo in cui tali informazioni vengono condivise e la relativa facilità di reperirle o associarle, piuttosto che concentrarci sulle specifiche tipologie di informazioni diffuse.

La libertà di espressione e il diritto di manifestare sono diritti fondamentali in una democrazia che funziona. Come utenti di Internet, possiamo non essere d'accordo con tutto ciò che leggiamo o troviamo, ma la libertà di espressione va comunque rispettata.

Per questo motivo, Patreon assume una posizione ferma contro il doxing, indipendentemente da chi subisca questa pratica. Riteniamo che nessuno debba essere vittima di doxing, indipendentemente dal fatto che abbia partecipato a una protesta, manifestato online il proprio dissenso verso idee opinabili o per la sua appartenenza a un gruppo minoritario.  

Per scoprire di più sulle nostre politiche sui contenuti contro il doxing, consulta le Regole della Community: https://www.patreon.com/guidelines.

 

[Se sospetti che un creator di Patreon pratichi il doxing, puoi segnalarlo qui.]

Questo articolo ti è stato utile?

Grazie per il tuo feedback!

Che cosa è andato storto?